I ricordi e la quotidianità

Per molte persone questo è un periodo di ritorno alle proprie abitudini, alla propria quotidianità. Spesso, questi momenti di ripartenza tendono ad assumere una connotazione negativa, se non addirittura stressante, e il ritorno alla vita di tutti i giorni, dopo gli svaghi e i momenti di calma, può minare la nostra stabilità. Rischiamo, così, di assumere nei confronti delle esperienze quotidiane un atteggiamento di avversione e ostilità, con l’unico risultato di alimentare i sentimenti negativi, rendendoci sempre più difficile raggiungere uno stato di pace e tranquillità, anche nei momenti belli che pur accompagnano il nostro vivere.

Photo by Leah Kelley on Pexels.com

Assumere un atteggiamento sempre comprensivo e vivere ogni momento con serenità e presenza mentale, sono i punti fondamentali da seguire per tornare alla nostra vita di tutti i giorni con un corretto atteggiamento. Ricordare i momenti di svago e metterli nella giusta prospettiva rispetto alle vicende di tutti i giorni ci aiuta ad apprezzare al meglio sia le esperienze passate che quelle attuali, aiutandoci ad affrontare la nostra vita con il giusto stato mentale.

Nell’articolo di oggi parleremo un po’ di come non aggrapparsi ai momenti belli del passato, anche recente, ci aiuta a vivere al meglio il momento presente. Per quanto possa sembrare paradossale, vedremo che imparare a lasciar andare i ricordi belli, serbandoli e consultandoli ma sempre con la giusta consapevolezza, sia la chiave per vivere ogni momento al meglio, e come possa insegnarci a trovare qualcosa di positivo in ogni esperienza che facciamo.

Photo by Yaroslav Shuraev on Pexels.com

Il bello del tempo passato

Avere ricordi di esperienze passate, anche molto recenti come può essere dopo una vacanza, è una delle capacità più sorprendenti che abbiamo. Riuscire a creare nella nostra mente un album di esperienze, da consultare quando più ci piace, è sicuramente qualcosa di incredibile. Spesso, però, la bellezza dei ricordi del passato può, sorprendentemente, tenderci una trappola. Aggrapparsi con tutte le forze ad un ricordo, per quanto possa essere bello e confortante nei momenti più disparati, può impedirci di vivere le nostre esperienze con il giusto atteggiamento, rischiando di farci perdere il bello che riempie la nostra vita quotidiana.

Photo by Luizmedeirosph on Pexels.com

Molto spesso, questo paradosso si presenta nei momenti in cui qualcosa cambia, come ad esempio al ritorno dalle vacanze. Riprendere la vita di tutti i giorni, che pure viviamo per la maggior parte del nostro tempo, può metterci davvero a dura prova. Tornare a svolgere le attività che svolgiamo, quasi sempre ad occhi chiusi, diventa incredibilmente difficile, al punto che ne usciamo stressati e, alcune volte, in preda all’ansia. Ricordare in questi momenti la tranquillità che fino a poco prima avevamo non fa che aggravare le nostre sensazioni negative, con il risultato di spingerci ancora più in fondo nel tunnel, cercando sempre più rifugio nei nostri ricordi.

Per quanto possa sembrare una cosa non del tutto brutta, come una medicina per attenuare il nostro malessere, aggrapparci ai momenti passati, a lungo andare, può avere effetti devastanti. Possiamo disabituarci alla vita di tutti i giorni, al punto di non riuscire più a svolgere le nostre attività con leggerezza e tranquillità. Inoltre, rischiamo di perderci i momenti belli della vita quotidiana, magari trascurando i rapporti con i nostri amici e le esperienze positive che ci accompagnano tutto l’anno.

Photo by JESSICA TICOZZELLI on Pexels.com

La giusta prospettiva

Vivere nel passato, quindi, che sia recente o remoto, non è mai una buona cosa. D’altra parte, però, anche dimenticare i momenti belli non è assolutamente il modo migliore per averci a che fare. La disponibilità immediata dei nostri ricordi, se consultati con consapevolezza e con il giusto atteggiamento, ci aiuta a vivere il momento presente in modo più intenso, magari aiutandoci a sintonizzarci meglio con gli altri e a capire meglio la bellezza nascosta in ogni esperienza. Tuttavia, è importante capire che il passato non può essere una scatola in cui chiuderci, e che nulla di buono può scaturire dall’aggrapparci ad esso. Usare i momenti passati per scappare dal presente, se da una parte ci fornisce un sollievo temporaneo, dall’altra rende a lungo andare più profondi l’ansia e lo stress. D’altronde, fu Dante a scrivere “nessun maggior dolore, che ricordare il tempo felice nella miseria”, anche se in una realtà un po’ diversa.

Photo by Juan Pablo Serrano Arenas on Pexels.com

Usare i ricordi nei momenti in cui ci servono è tuttavia possibile, ma c’è un modo giusto per farlo: basta rendersi conto di quello che sono in realtà. È sufficiente metterli nella giusta prospettiva, consultarli e magari confrontarli con il momento presente, ma non abbandonarsi a loro. Occorre evitare di perdere la presa sull’istante che stiamo vivendo, cercando di essere sempre consapevoli del presente, di ciò che ci accade in questo momento e in questo luogo. Usare i ricordi come contorno o supplemento alla nostra esperienza, e mai come sostituto di essa, è il modo migliore per trarre i giusti benefici da tutto ciò che ci accade. Essi ci possono aiutare a raggiungere un maggiore livello di consapevolezza, ci aiutano a decodificare il mondo intorno a noi, e a riconoscere meglio ciò che ci fa stare bene, ma solo se ci rivolgiamo ad essi con mente serena e presente.


In estrema sintesi

  • Aggrapparsi ai ricordi nei momenti di cambiamento può avere su di noi un effetto negativo
  • Ci spinge ad ignorare il presente e il mondo attorno a noi
  • Rischiamo, così, di perderci il bello delle esperienze quotidiane
  • Imparare a consultare i ricordi con il giusto atteggiamento, con mente presente e consapevole, può darci grandi benefici
  • Ci insegna a riconoscere meglio le bellezze della nostra vita
  • Ci aiuta ad essere più consapevoli e ad apprezzare ogni cosa che ci accade

2 pensieri riguardo “I ricordi e la quotidianità

  1. L’ha ripubblicato su Andando tras tu encuentro…e ha commentato:
    Impeccabile ingresso di Meditazione per tutti!! Chi di noi fa le tecniche di respirazione e meditazione un paio di volte al giorno con un certo digiuno, è consapevole di ciò che chiarisce e afferma Bruno, con il suo alto senso professionale. È interessante per coloro che sono davvero alla ricerca di armonia e pace leggere questa voce. Grazie Bruno!! Un cordiale saluto.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: